• La solitudine delle madri

    A proposito di plusmaterno di Marisa Fiumanò *Laura Pigozzi (a cura di), Il plusmaterno, Poiesis (Alberobello 2018)   Nel giugno 2016, nel mio blog “L’inconscio è il sociale”, avevo recensito un libro centrato su una tesi forte, riassunta con un neologismo: plusmaterno. Questo concetto ne costituiva lo scheletro e il cuore, ciò che strutturava e animava le tesi sostenute. Il saggio si chiamava (si chiama) Mio figlio mi adora e la sua autrice, Laura Pigozzi, sosteneva che ci fosse un eccesso di godimento (il plusmaterno è in analogia col lacaniano plus-godimento, plus-de-jouir e col marxiano plusvalore) nelle relazioni odierne delle madri con i propri figli. L’invenzione di Laura Pigozzi – un neologismo è un’invenzione, in questo caso un’invenzione…

  • Per sopravvivere alla terribile famiglia all inclusive, i figli-ostaggio hanno una sola possibilità: scappare di casa

    Il respiro di un figlio è per il mondo, non per i suoi amorevoli genitori, sequestratori affettuosi di corpi, pensieri e avventure. Se i genitori tengono il figlio in ostaggio per troppo amore, per il desiderio che sentono naturale di tenerlo accanto, di assorbire la vita da lui, e allo stesso tempo di rassicurarlo, plasmarlo, abituarlo ad avere tutto facilmente all’interno di un’allegra clausura famigliare (fatta di vacanze insieme, ristoranti, fidanzati che possono restare a dormire, perfino il letto matrimoniale messo a disposizione delle prime esperienze sessuali, “ma poi cambiate le lenzuola, eh?”, strizza l’occhio il padre alla figlia quindicenne), allora l’unica possibilità è: scappare. Liberarsi dai lacci, rompere per…

  • Un cortometraggio sulla transizione che un bambino deve affrontare quando raggiunge l’adolescenza

      Questo cortometraggio rappresenta la transizione che un bambino deve affrontare quando raggiunge l’adolescenza Da un momento all’altro, Lili deve affrontare qualcosa di terrificante: lasciarsi alle spalle la sua infanzia. Non sarà facile, ma col tempo scopri il modo migliore per farlo. Scritto da: Camila Londoño   Articolo completo: eligeeducar        

  • Ci dobbiamo occupare dei genitori preoccupati

    Perché l’educazione alle differenze e le iniziative per la parità di genere hanno suscitato allarmismi così forti tra i genitori in Italia e in Europa? Un estratto dal libro di Rossella Ghigi Fare la differenza, recentemente edito da Il Mulino di Rossella Ghigi Le politiche educative e le iniziative sulla parità di genere non sono affatto estranee alla storia della scuola italiana da almeno trent’anni. Eppure non suscitavano l’interesse e gli allarmismi che esse suscitano oggi tra i genitori. Cosa è successo nel frattempo? Nel frattempo si è articolata una serie di iniziative contestatarie rispetto a queste misure da parte di una pluralità di associazioni, in gran parte riconducibili a realtà cattoliche conservatrici, le…

  • “Come aprire quella porta”: il disagio dei ragazzi che decidono di ritirarsi!

    Quando sento parlare di ritiro sociale mi viene in mente una situazione emblematica ; un ragazzo che si ritira dai contesti sociali in cui dovrebbe riuscire a stare. Ciò che lo costringe a ritirarsi è soprattutto la vergogna di sentirsi inadeguato a causa della sua difficoltà ad affrontare il fallimento e le frustrazioni che ne conseguono. Questo stato di cose produce una grande disperazione nei genitori che vedono il proprio figlio chiudersi in casa nella sua stanza per giorni e giorni nascosto e irraggiungibile . In questo quadro angosciante ciò che mi colpisce di più è l’affanno della madre. La vedo con lo sguardo rivolto verso quella porta chiusa, con…

Facebook Pagelike Widget

Archivi