Home
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed

Lettera aperta del CARE al Presidente del Consiglio

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Il 16 maggio il Coordinamento CARE ha pubblicato sul proprio sito una lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta per denunciare  il mancato conferimento di alcune deleghe fondamentali per le famiglie.

 

Riportiamo integralmente.

 

Lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri

On. Enrico LETTA

Palazzo Chigi, Roma

 Roma 13 maggio 2013

 

Gentilissimo Presidente,

Il Coordinamento CARE – Coordinamento delle Associazioni Familiari Adottive e Affidatarie in Rete, che rappresenta una significativa realtà nel panorama dell’associazionismo familiare in Italia,  vuole rappresentarLe con profonda preoccupazione la particolare e inusuale  contingenza in cui risultano non compiuti due atti politici di rilevante importanza per le famiglie, i bambini e i ragazzi: l’assegnazione delle deleghe alle politiche della famiglia e la nomina dei componenti della Commissione parlamentare dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

Il mancato conferimento della delega alle politiche della famiglia ostacola, di fatto, la piena operatività di alcune fondamentali istituzioni dedicati alla famiglia, quali la Commissione delle Adozioni Internazionali, l’Osservatorio Nazionale sulla Famiglia, l'Osservatorio nazionale per l'infanzia e l'adolescenza e il Centro di documentazione e di analisi per l'infanzia e l'adolescenza.  Il rischio che si profila è l’indebolimento delle strutture di raccordo con il Governo centrale che possano assicurare l’attuazione di politiche specifiche in favore delle famiglie, specialmente delle famiglie più fragili o che necessitano di specifiche tutele.

Aggrava lo scenario la ritardata nomina dei componenti della Commissione parlamentare dell’Infanzia e dell’Adolescenza, che ha  tra i compiti quello di promuovere e tutelare l’infanzia e l’adolescenza creando sinergie con i diversi soggetti operanti anche, ma non solo, nel campo dell’adozione e dell’affido.

 

Il Coordinamento CARE, perciò, auspica la risoluzione tempestiva della situazione creatasi affinché i soggetti politici possano iniziare a lavorare su azioni e progetti di cui le famiglie, anche quelle adottive e affidatarie, potranno beneficiare.

 

Monya Ferritti

Coordinamento CARE

La Presidente

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Se vuoi saperne di più consulta la privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.