Newsletter di GenitoriChe - gennaio 2012
PDF Stampa
Fai clic qui per visualizzare online


logo-gche                   NewsLetter n. 4 gennaio 2012


IN EVIDENZA 


DIVENTA SOCIO DI GENITORICHE NEL 2012!

E' il modo per sostenere i progetti dell'associazione GenitoriChe Onlus. Per diventare socio è sufficiente versare una quota sociale.  

I Soci Sostenitori sono coloro che decidono di sostenere GenitoriChe attraverso un contributo di 50 euro annuo. I Soci Ordinari sono coloro che decidono di sostenere GenitoriChe attraverso un contributo di 20 euro annuo. I Soci Straordinari sono coloro che decidono di sostenere GenitoriChe attraverso un contributo di 70 euro annuo.

Diventare soci di GenitoriChe dà diritto a partecipare e esprimere il proprio voto in assemblea, a ricevere periodicamente aggiornamenti sulle nostre attività attraverso la Newsletter di Infosoci.

Per associarsi: C/C bancario intestato a GenitoriChe Onlus, Banca Popolare Etica – Sede di Roma – Codice IBAN: IT50 Z050 1801 6000 0000 0118 255  - causale Socio di GenitoriChe anno 2012.

Per i nuovi associati: compilare anche il modulo di adesione

 

Lo Statuto di GenitoriChe

La Carta del Socio

 


NEWS!
 

 


logo_rombo_a4
Il 21 Gennaio a Bologna, presso la sala di Volabò  – Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna - è convocata l'ottava riunione del Coordinamento CARE - Coordinamento delle associazioni adottive e affidatarie - di cui l'associazione GenitoriChe Onlus è socio fondatore.

Si discuterà, tra le altre cose, dell'ammissione di nuove associazioni al Coordinamento, dell'attivazione di un sito web e di rapporti istituzionali.

 

Maggiori informazioni sul Coordinamento CARE

 


ARTICOLI 

 

Osservazioni in merito al rischio di fallimento adottivo

di Marina D'Onofrio

Per fallimento adottivo si intende l’interruzione della relazione tra genitore e figlio adottivo e l’impossibilità di mantenere nel tempo legami tra loro. Accanto ad adozioni che riescono ad affrontare le situazioni di crisi evolutive, trovando nuove soluzioni che permettono di conservare i legami affettivi instauratisi, ci sono, infatti, altre esperienze nelle quali prevalgono sofferenza e disagio, tanto nei genitori quanto nei figli, che si concludono con il fallimento e, nei casi estremi, con la restituzione del bambino. Tale evento porta il bambino, già segnato dall'esperienza dell'abbandono, a subire un ulteriore abbandono, il cui effetto costituisce un trauma estremamente grave, che comporta conseguenze sul suo sviluppo psichico.

Il successo dell’esperienza adottiva può dipendere dalla presenza di fattori di rischio che, generalmente, per i genitori sono strettamente connessi alle motivazioni che li hanno spinti all’adozione. Tali elementi di rischio possono essere già presenti nelle storia individuale dei  protagonisti dell’adozione ma si manifestano palesemente nel momento in cui condizionano l’esito dell’adozione, conducendo al fallimento della relazione adottiva.

Leggi tutto

Riconoscere il dolore del diventare grandi

di Gustavo Pietropolli Charmet e Loredana Cirillo

 

Agli esperti in materia di adolescenza che ogni giorno incontrano genitori e figli nel trambusto delle vicende evolutive adolescenziali, sono cari i temi della protezione e dell’emancipazione, concepiti come due facce della stessa medaglia. Due quesiti su cui i genitori si interrogano con modalità differenti e spesso originali. Si tratta di due bisogni fondamentali degli adolescenti: essere protetti ma allo stesso tempo incoraggiati ad andare avanti, a fare esperienze ed emanciparsi. Ma si tratta anche di un duplice compito che spetta ai genitori assolvere: svolgere una funzione protettiva che non sia troppo ingombrante o di ostacolo alla necessità di favorire l’autonomia e l’evoluzione.

Qualche anno fa ci sembrò utile capire quali potessero essere le ragioni in base alle quali alcuni adolescenti rifiutavano di fare la prova dello “spinello”. Sapevamo infatti da ricerche precedenti che, nel contesto di crescita attuale, quasi tutti i ragazzi entrano in contatto con la proposta di “provare” tanto per vedere l’effetto che fa: non glielo propone uno spacciatore in un vicolo buio, di notte, nella nebbia, ma un coetaneo, un amico, il gruppo, la ragazza, il ragazzo con cui esce, per ciò si tratta di una proposta che non si può rifiutare. Invece ci sono ragazzi che dicono no: volevamo capire perché. Leggi tutto


Scuola: solo gli italiani odiano le medie, una ragione c'è

Il Rapporto della Fondazione Agnelli fa il punto sull'anello debole del sistema scolastico italiano

La scuola media è l’anello debole della scuola italiana. Lo suggeriscono le rilevazioni internazionali: gli studenti italiani infatti, che in matematica e scienze in quarta elementare (indagine Timss 2003) erano ben sopra la media internazionale, nel 2007, arrivati in terza media, facevano registrare il peggior crollo di risposte di tutto il mondo (-23 punti in matematica e -21 in scienze). L’indagine Ocse-Pisa del 2009 ha misurato i risultati degli stessi ragazzi in seconda superiore, e le prestazioni sono tornate a salire. I ragazzi sono sempre gli stessi, quindi deve essere la scuola media ad avere qualche problema… Parte da qui le nuove ricerche realizzate dalla Fondazione Agnelli e rese pubbliche oggi nel suo Rapporto sulla scuola in Italia 2011.

Leggi tutto

Pinocchio, una fiaba senza lieto fine

di Claudio Bosetto

Di norma, si sa, le fiabe finiscono bene. Una fiaba che finisse con la morte del protagonista non sarebbe più tale[1], sarebbe una tragedia, eppure questo è lo strano destino di uno dei più noti racconti per bambini: nell’omonimo famosissimo racconto Pinocchio muore, ma nessuno sembra farci caso. La sua morte è piuttosto un avvenimento positivo, che segna l’arrivo di quell’altro “Pinocchio-bambino-vero”, personaggio che pure Collodi considera quanto mai poco interessante e noioso se, arrivato lui, il racconto finisce.

La morte di Pinocchio non suscita lutti e commozione, la tragedia passa inosservata.

Leggi tutto

La scuola può rappresentare la cura? - I legami di attaccamento e la collaborazione scuola-famiglia-servizi

di Antonella Di Berto Mancini

 

Quando iniziai a lavorare nelle scuole del 196° circolo, ormai ben 15 anni fa, rimasi sorpresa dalla particolare composizione delle classi: accanto ai moltissimi alunni disabili “certificati”, ce ne erano moltissimi altri che presentavano vari tipi di disturbi: disturbi dell'apprendimento, difficoltà psicologiche, comportamentali, relazionali; bambini impauriti, confusi, insicuri, con basso livello di autostima e di fiducia in sé stessi, ma anche presenza di svantaggio sociale e varie differenze linguistiche e culturali; ogni maestra diceva di avere una classe "difficile". 
Tutti i bambini di quelle scuole, necessitavano quindi di quelli che attualmente chiamiamo "bisogni educativi speciali".

Del resto ancora oggi il IV Municipio (di Roma – ndr) , che ospita appunto queste scuole, è ad alto sviluppo demografico, con fasce di emarginazione sociale piuttosto rilevanti, accoglie numerose famiglie con situazioni di grave disagio socio-ambientale e grava su questo territorio un pesante tasso di disoccupazione. Tutto questo, insieme ad altri fattori, ne fa un territorio con una concentrazione di marginalità non indifferente.

Ma, mi chiedevo, come tutto questo si traduce in disagio nei bambini? Perché questi bambini non riescono a leggere e scrivere subito come molti altri bambini? Come mai questi bambini sembrano continuamente distratti e non interessati ad apprendere, perché tutte questi disturbi psicologici, emotivi?

Leggi tutto

La felicità nello sviluppo dell'adolescente

di Serena Romano

 

Nell’ambito della psicologia evolutiva le emozioni sono da sempre considerate come importanti meccanismi di regolazione, segnalazione, attivazione e guida del comportamento, elementi fondamentali nel processo di strutturazione della personalità1 che, come  sappiamo, vive un momento cruciale nel periodo  adolescenziale

Un recente filone di studi, quello della psicologia positiva, ha messo in particolare evidenza l’importanza di un’emozione come la felicità nello sviluppo sociale e cognitivo dell’individuo. Tuttavia, quando si parla di adolescenza si tende ad associarla ad emozioni quali rabbia, paura, tristezza, come se queste rappresentassero la dimensione esclusiva della vita affettiva dei giovani. L’adolescenza viene spesso dipinta come fase critica della vita, espressione di fragilità e disorientamento dovuti al cambiamento, periodo di travaglio interiore. Si tende inoltre a vedere l’adolescente come un individuo potenzialmente deviante, una mina vagante nella società, un ordigno da disinnescare attraverso interventi educativi miranti a contenerne la forza esplosiva. Di adolescenti tristi, annoiati, disperati, si parla in un’infinità di saggi; i mass media dedicano loro parole ed immagini che cercano di spiegare il perché delle loro negatività. Di adolescenti felici, che cercano la felicità, che affrontano le sfide quotidiane con ottimismo e che non si arrendono al loro “destino” di incompresi, si parla molto meno.

Leggi tutto

Non tutti i licei sono uguali

di Norberto Bottani

Presentazione di un’analisi svolta in Francia dal Centro Nazionale di Studi e ricerche sulle qualifiche (Céreq) su un campione di 17000 studenti nel quale si valuta l’incidenza delle variabili individuali e di quelle d’istituto sulla scelta degli studi superiori.

L’accesso agli studi universitari e la scelta delle facoltà o degli indirizzi di studio è determinata dalle differenze sociali individuali nonché dalle caratteristiche della scuola che si frequenta per conseguire la maturità o il diploma. L’analisi qui presentata è focalizzata sugli effetti del tipo di scuola. Siccome non tutte le scuole sono uguali, gli effetti della scuola variano come variano pure i comportamenti dei professori. Le disuguaglianze si accentuano oppure possono anche essere corrette e compensate. Una politica scolastica lungimirante potrebbe potenziare questo secondo aspetto a condizione di disporre d’informazioni pertinenti e attendibili!

Leggi tutto


DA LEGGERE

Il momento tanto atteso

momento_atteso

 

Autore: Monya Ferritti

Editore: Giunti 2011

 

Cosa è l’adozione? Cosa significa essere adottati? Quando un bambino può essere adottato?

Sono queste generalmente le domande a cui gli adulti (genitori, insegnanti, ecc.) devono rispondere quando arriva in classe un nuovo compagno dal Brasile, oppure entra nella propria squadra di pallavolo un bambino nato in Russia, oppure quando nostra figlia gioca spesso ai giardini con una bambina con i tratti orientali che i suoi genitori non hanno.

Il racconto “Il momento tanto atteso” vuole aiutare i genitori e gli insegnanti a rispondere a queste domande attraverso la storia di Sara, la piccola protagonista del racconto, che sta aspettando di partire per il Burkina Faso per andare a prendere il fratello adottivo.

Leggi tutto


Associazione GenitoriChe - Onlus  
 
Via Pierpaolo Pasolini 24 - 00065 Fiano Romano (Roma)
info@associazionegenitoriche.org
CF 974 3444 0158
 
Se non ti interessa ricevere questa newsletter


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Se vuoi saperne di più consulta la privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.