Home
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed

Il parto a una svolta. Spunti e riflessioni per un'ecologia della nascita che rispetti il bambino e la donna

Il ricorso al parto medicalizzato e al taglio cesareo ha assunto nel nostro paese proporzioni decisamente superiori alle raccomandazioni dell’OMS. Pur con differenze regionali molto marcate, la media dei tagli cesarei in Italia è arrivata al 38% circa dei parti, di gran lunga superiore al 15% considerato fisiologico dall’OMS L’importanza di limitare il ricorso a questo intervento – a maggiore rischio di complicanze rispetto al parto naturale -  ai casi di effettiva necessità ha spinto l’Istituto Superiore di Sanità a varare delle linee guida specifiche che analizzano tra l’altro il valore della corretta informazione e della buona comunicazione nei confronti delle donne.

 

 

Nuovi padri, la legge e il congedo

di Chiara Saraceno

 

La proposta del parlamento europeo, così come quella italiana, di introdurre un congedo di paternità obbligatorio di almeno due settimane, da prendere contestualmente alla nascita di un figlio è stata salutata come un passo importante verso la realizzazione di due distinti obiettivi di uguaglianza tra padri e madri: rispetto all’evento nascita e rispetto alle responsabilità (e ai piaceri) della cura (cfr. articolo di Mosca e Ruspini qui).

Per quanto riguarda il primo obiettivo, la questione mi sembra malposta. Se c’è una differenza radicale tra uomini e donne riguarda proprio il modo in cui si arriva a diventare genitori.Salvo che nel caso dell’adozione, o nei casi – rari dovunque e impossibili in Italia – di generazione tramite maternità surrogata, le donne alimentano e fanno crescere in sé il nascituro, lo/la partoriscono e spesso allattano. Non c’è uguaglianza di fronte alla procreazione. Gravidanza e parto non sono assimilabili ad una malattia, ma non sono neppure neutri nelle loro conseguenze sulle condizioni fisiche (e psichiche) di madre e bambino. Non vi è nulla di simile nel modo in cui si diventa padri. Argomentare il congedo di paternità in analogia a quello di maternità è, da questo punto di vista, privo di senso. Anche se l’assenza o l’ impossibilità della madre ad accudire il neonato subito dopo la nascita può, in nome dell’interesse del bambino, far trasferire al padre il diritto al congedo post parto. L’interesse del bambino, ma anche il riconoscimento che l’arrivo di un bambino è un evento importante, che richiede tempo, attenzione, riorganizzazione della vita quotidiana, mi sembrano motivazioni più adeguate dell’uguaglianza tra padri e madri per la rivendicazione del diritto al congedo di paternità. Tra l’altro, ci si potrebbe chiedere come mai la maggior parte dei contratti prevedono il congedo matrimoniale, in occasione delle nozze, e non, appunto, quello paterno.

 

 

Il bambino e l'autostima

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Avere coscienza di quello che si è, capire ciò che si prova e riuscire a esprimerlo liberamente senza essere offensivi, accettare i propri limiti, capire di essere amati per se stessi e non per quello che si fa.
Chi non vorrebbe tutto questo per i propri figli? Questi sono i fattori che comunemente definiscono l'autostima. Qui però non si vuole dissertare sulle molteplici definizioni, ma capire come fare perché un bambino abbia coscienza di quello che è e sappia affrontare le situazioni senza la paura di non essere all'altezza.

 

 

Ciao Maria Grazia

Questa notte è venuta a mancare Maria Grazia Parnisari socia e amica di GenitoriChe. Nel ricordarla con affetto l'associazione è vicina al marito e al figlio Lorenzo.
 

Benvenuti!

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Benvenuti nel nuovo sito dell'Associazione GenitoriChe!

Questa che state visitando è una versione non definitiva, ancora in fase di costruzione. Sarà quotidianamente migliorata, arricchita e perfezionata  dunque vi consigliamo di visitarci spesso per scoprire i cambiamenti in corso d'opera.

La nuova veste grafica ci permette di dare maggiore visibilità alle attività dell'associazione, ai progetti, agli articoli informativi sia curati dall'associazione stessa sia "catturati" dalla rete sui temi che più ci interessano: la genitorialità, la scuola, l'adozione, la multicultura, ecc.

Abbiamo curato particolarmente l'interconnessione e gli articoli possono essere più facilmente commentati e anche condivisi in share.

Nel menù a sinistra sono elencati i progetti principali dell'Associazione che ne definiscono la filosofia e la operatività.

La nuova sezione Studi e Ricerche conterrà, in ordine cronologico, la raccolta dei rapporti e dei dossier di Ricerca che sono legati ai nostri temi e che è utile avere come fonte informativa.

Attraverso la sezione Temi si potrà raggiungere tutto ciò che è contenuto nel sito relativamente al tema di interesse e così facilmente consultabile.

 

Ti ricordiamo di inserirci fra i tuoi siti Preferiti e di mandarci commenti e segnalazioni a questo indirizzo:

 

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Se vuoi saperne di più consulta la privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.