• Le mani della madre. Desiderio, fantasmi ed eredità del materno.

    Massimo Recalcati – 2015, Feltrinelli  Recensione di Susanna Nava Come psicoterapeuta e mamma da poco per la seconda volta, mi ritrovo piacevolmente sorpresa nello scoprire il nuovo libro dello psicoanalista Massimo Recalcati, Le mani della madre. Desiderio fantasmi ed eredità del materno, libro uscito nel maggio 2015. Finalmente l’autore tratta anche delle luci ed ombre della funzione materna, dopo aver esplorato in diversi scritti il ruolo del padre in un’ottica non più del figlio rivale Edipo ma del nostalgico Telemaco, che aspetta il ritorno della Legge del padre, ed aver analizzato le relazioni di amore non solo come potenziamento narcisistico ma, proprio attraverso l’esperienza del tradimento e del perdono, come capacità…

  • I giovani non sanno scrivere? Riflessioni sulla lettera dei 600

    di Mila Spicola Gli studenti italiani non sanno leggere e non sanno scrivere. Gli studenti sanno leggere e sanno scrivere. Entrambe le affermazioni sono vere ed entrambe sono false perché la realtà è fatta, in questa come in altre questioni che riguardano il sistema d’istruzione italiano, di più di 50 sfumature di rosa, non di nero, non di bianco e non di grigio. Proverò a spiegarmi meglio semplicemente mettendo in fila una serie di considerazioni né ottimistiche ne pessimistiche, semplicemente realistiche.

  • I libri che fanno paura

    di Giusi Marchetta Come si fa a far leggere i ragazzi? Se lo chiedono tanti insegnanti, e non solo loro. Giusi Marchetta, scrittrice che conosce molto bene le dinamiche scolastiche, su ilLibraio.it suggerisce una serie di romanzi che spesso si ha timore di proporre, perché potrebbero urtare la sensibilità degli studenti. E che invece rischiano di essere proprio i libri giusti al momento giusto – Ecco la sua selezione controcorrente…

  • Storie della Buonanotte per bambine ribelli: come insegnare alle bambine che si può disobbedire

    Storie della Buonanotte per bambine ribelli — traduzione italiana di Good Night Stories for Rebel Girls, uscito negli Stati Uniti lo scorso novembre — approda oggi sugli scaffali delle librerie italiane. Si tratta di un vero proprio caso editoriale: il libro nasce da un’idea di Elena Favilli e Francesca Cavallo — fondatrici di Timbuktu Lab, società che si occupa della creazione di contenuti editoriali e progetti didattici per l’infanzia. L’idea è quella di scrivere un libro di favole non ricorrendo più a principesse in attesa del principe azzurro, ma raccontando la storia di donne reali — politiche, attiviste, artiste o sportive, contemporanee e non — che, disobbedendo alle regole, hanno fatto (o cambiato)…

  • Quello che gli adolescenti non dicono

    di supermambanana   Perché la vita con gli adolescenti sembra sempre un estenuante tiro alla fune? Possibile che i genitori siano sempre sbagliati ai loro occhi? Questa lettera è stata scritta da Gretchen L Schmelzer, una psicologa e scrittrice statunitense, e dovrebbe essere inserita tra le letture obbligatorie del manuale del genitore dell’adolescente.

  • LUCI ED OMBRE DELLA NORMATIVA SUI B.E.S.

    Costa meno caro aiutare un giovane a costruirsi che aiutare un adulto a ripararsi. (Anonimo) All’indomani dell’emanazione della Direttiva Ministeriale del 27/12/2012 e della relativa Circolare applicativa relative a “Strumenti di intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica” si accese un ampio dibattito, tra detrattori e difensori circa le effettive opportunità offerte da tale norma.

  • Filmografia. Vedere tra i banchi di scuola

    a cura di Maria Pia Martignoni Il cinema parla una lingua universale, donandoci uno sguardo limpido su infiniti mondi. Attraverso i film noi riusciamo ad immedesimarci in situazioni sconosciute e a comprenderne le implicazioni, rivitalizzando talvolta percorsi emozionali e cognitivi che ci aiutano a costruire così un senso alla realtà o all’immagine di essa. Vedere un film è anche una piacevole attività intergenerazionale che si può quindi scegliere di fare insieme ai figli.

  • Pentirsi di essere madri

    “Pentirsi di essere madri. – Storie di donne che tornerebbero indietro. Sociologia di un tabù.” è l’ultimo libro di Orna Donath, sociologa israeliana che lavora sulle aspettative della società sulle donne, madri o non madri. Il libro ha avuto un grande successo internazionale e la traduzione in inglese (Regretting moterhood) è diventato un hastag di grande diffusione (#RegrettingMoterhood) che ha dato eco a quello che è davvero ancora un tabù.   Pubblichiamo sia la sinossi del libro sia una recente intervista all’autrice.

  • 5 interessanti film educativi

    È assai frequente che a scuola gli insegnanti ricorrano a film educativi per approfondire qualche argomento o per proporre agli studenti alcune riflessioni. Sicuramente, il tema più diffuso è quello dell’Olocausto e, infatti, gli studenti hanno la possibilità di vedere con i loro insegnanti film come Il bambino con il pigiama a righe,  Schindler’s List e il capolavoro di Roberto Benigni La vita è bella. Altre tematiche che vengono proposte nelle scuole riguardano l’accettazione della diversità, i problemi adolescenziali quali il bullismo, la gravidanza, l’integrazione nel gruppo o le incertezze verso il futuro. In questo ambito, le pellicole più conosciute sono Quasi amici, Juno, Precious o, ancora, The Millionaire e The Help. Molto spesso, infatti, si cerca di presentare…